PNEI – IL CORPO NEL CERVELLO E NELLA PSICHE

shutterstock_326869622

 

PNEI – IL CORPO NEL CERVELLO E NELLA PSICHE
COME LA COMUNITA’ SCIENTIFICA STA CAMBIANDO LA “VECCHIA” VISIONE DEL CERVELLO

 

Negli ultimi vent’anni la conoscenza scientifica ha cambiato radicalmente la tradizionale visione esistente tra cervello e resto del corpo. Questo cambiamento è stato possibile grazie ad una nuova visione del cervello, il quale non è più considerato come un insieme di unità individuali assemblate in aree specializzate ma come un organo separato e protetto dal resto del corpo.

Il cervello è un organo plastico in grado di produrre in determinate aree della sua struttura nuove cellule nervose e promuovere la propria influenza su altri organi e sistemi, il tutto osservabile grazie alle funzioni del sistema immunitario. Parallelamente gli organi ed i tessuti extra-cerebrali mostrano livelli di organizzazione e comunicazione che cambiano le vecchie concezioni scientifiche: il tessuto adiposo non esplica esclusivamente la funzione di riserva metabolica e struttura protettiva, il sistema muscoloscheletrico non è solo la locomozione ed il sistema scheletrico non rappresenta esclusivamente l’impalcatura del corpo. La comunicazione tra organi, tessuti e sistemi oltre ad essere nervosa è anche chimica, elettromagnetica e meccanica.

Questa nuova visione della fisiologia umana fornisce ulteriori informazioni alla scienza di base delle discipline corporee, influenzando il network umano nella salute e nella malattia.

 

Francesco Bottaccioli – Direzione Master di II Livello in “PNEI e scienza della cura integrata”, Università dell’Aquila.
Fondatore e Presidente onorario della SIPNEI

Leggi l’articolo completo nel link sottostante

IL CORPO NEL CERVELLO E NELLA PSICHE

Giovanni Parravicini FT, DO MROI


bottone-i-nostri-corsi

Ti interessano questi argomenti?

Scopri tutti i nostri corsi di formazione post graduate per osteopati